$oldi // Giusi Marchetta

by redazione

$oldi

[lightgrey_box]Letteratura e soldi non vanno d’accordo, ed è una brutta cosa. Negli scorsi numeri ne abbiamo parlato con alcuni scrittori: adesso lo faremo qui sul sito, pubblicando le interviste già fatte e poi intervistando nuovi scrittori.[/lightgrey_box]

Quanti soldi hai nel portafoglio in questo preciso momento?
Venti euro. Ma se cerco bene potrebbe spuntare qualche monetina. 

Se ne hai, quanti ne spenderai in libri?
Probabilmente tutti e venticinque. (Sì, ho detto venticinque. Spero sempre nelle monetine).

Hai un ebook reader? Se sì, qual è il criterio secondo cui compri un libro in edizione digitale e non in edizione cartacea?
Non ce l’ho. Se lo avessi comprerei libri in digitale. Se li stampassero su cartelloni di dieci metri, affitterei un binocolo. È un libro? Lo compro. 

Una maggiore quantità di soldi farebbe bene alla tua scrittura?
Mi darebbe tempo e il tempo farebbe bene alla mia scrittura. 

Qual è la cifra più alta che hai guadagnato grazie alla scrittura?
Una volta per un racconto mi hanno dato tremila euro. 

Una persona a cui vuoi bene si ammazza. Decidi di raccontare la sua storia in un romanzo. Il romanzo va molto bene e guadagni parecchio. Ti senti in colpa? 
Dipende: perché ho scritto la sua storia? La risposta sbagliata è: perché volevo farci dei soldi. Ma se rispondessi così, non sarei tipo da sentirmi in colpa. 

Fai altri lavori che non c’entrano con la scrittura? Se no, è perché ti basta la scrittura, perché sei ricca di famiglia o perché non trovi altro?
Faccio l’insegnante e molte altre cose per mantenermi ma non la scrittrice. Aiuta, ma non è un lavoro. È un’altra cosa.

Hai mai fatto la ghostwriter? Quanto hai preso?
No, mai. Perché? Quanto si prende?

Scriveresti mai un libro con l’unico scopo di non dover restituire l’anticipo?
Di che anticipo parliamo? No, scherzo. Mi auguro sinceramente di non farlo mai. 

L’intervistata

Giusi Marchetta è nata nel 1982, da Napoli si è trasferita a Torino dove è insegnante di sostegno al liceo. Ha pubblicato le raccolte di racconti Dai un bacio a chi vuoi tu (Terre di mezzo, Premio Calvino 2007) e Napoli ore 11 (terre di mezzo, 2009), e il romanzoL’iguana non vuole (Rizzoli, 2011).


redazione